WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
Xagena Mappa

Associazione tra terapia cardiovascolare preventiva secondaria dopo infarto miocardico e mortalità nei pazienti con schizofrenia


L'uso di farmaci cardioprotettivi è un importante trattamento preventivo secondario dopo gli eventi cardiovascolari.
I pazienti con schizofrenia hanno un eccesso di morbilità e mortalità cardiovascolare, ma nessuno studio ha indagato se l'assunzione di farmaci cardioprotettivi raccomandati possa ridurre questa mortalità in eccesso.

È stata valutata l'associazione tra esposizione a un trattamento cardiovascolare secondario con la mortalità per tutte le cause dopo infarto miocardico tra i pazienti con schizofrenia rispetto alla popolazione generale.

Questo studio di coorte nazionale ha incluso individui ricoverati con infarto miocardico per la prima volta in Danimarca dal 1995 al 2015.
La coorte è stata divisa in due parti in base a una diagnosi di schizofrenia.
I dati sulla prescrizione di farmaci cardioprotettivi raccomandati dalle lineeguida, compresi antitrombotici, beta-bloccanti, antagonisti della vitamina K, inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace inibitori ) e statine, sono stati ottenuti dai registri nazionali.

Sono stati calcolati gli hazard ratio ( HR ) per l'associazione tra esposizione al trattamento e mortalità per tutte le cause dopo infarto miocardico tra pazienti con e senza schizofrenia.

La coorte comprendeva 105.018 pazienti con infarto miocardico, inclusi 684 pazienti con schizofrenia ( 0.7%; 483 maschi, 70.6%, età media alla diagnosi, 57.3 anni ) e 104.334 pazienti della popolazione generale ( 99.3%; 73.454 maschi, 70.4%, età media alla diagnosi, 61.0 anni ), con un follow-up totale di 796.435 anni-persona e 28.059 decessi.

I pazienti con diagnosi di schizofrenia che non hanno ricevuto un trattamento cardioprotettivo avevano il più alto tasso di mortalità ( HR=8.78 ) rispetto alla popolazione generale trattata, con un aumento dell'hazard ratio pari a 1.97 nei pazienti trattati con diagnosi di schizofrenia.

Le analisi delle associazioni di diverse strategie di terapia cardiaca con i tassi di mortalità hanno rivelato che i pazienti con schizofrenia trattati con qualsiasi combinazione di tripla terapia avevano tassi di mortalità simili a quelli osservati nella popolazione generale ( HR=1.05 ) nell'analisi multivariata.

In conclusione, i farmaci cardioprotettivi dopo l'infarto miocardico devono essere attentamente gestiti per migliorare la prognosi.
I risultati dello studio hanno indicatoche una parte della aumentata mortalità cardiaca tra i pazienti con schizofrenia può essere ridotta se a questi pazienti vengono somministrate in modo efficiente combinazioni di trattamenti preventivi secondari dopo eventi cardiaci. ( Xagena2018 )

Kugathasan P et al, JAMA Psychiatry 2018; 75: 1234-1240

Psyche2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro