WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
XagenaNewsletter

Confronto tra iniezioni di Olanzapina a lunga durata d'azione e Olanzapina orale in pazienti con schizofrenia


È stata confrontata l'efficacia del trattamento a lungo termine con iniezioni a lunga durata d’azione mensili di Olanzapina ( Zyphadera ) con l’efficacia di Olanzapina orale.
Pazienti con due o più episodi di peggioramento psicotico negli ultimi 24 mesi con punteggio totale alla scala PANSS ( Positive and Negative Syndrome Scale ) inferiore a 70 sono stati randomizzati a 405 mg/4 settimane di Olanzapina a lunga durata d’azione per via iniettiva ( n=264 ) oppure a 10 mg/die di Olanzapina orale ( n=260 ) per 2 anni di trattamento in aperto.
Il dosaggio successivamente era flessibile ( 150-405 mg/4 settimane di somministrazione per via iniettiva versus 5-20 mg/die di terapia orale ).

L'esito primario era il tempo alla interruzione della somministrazione per tutte le cause.

Al basale, i pazienti erano clinicamente stabili ( punteggio totale medio alla scala PANSS pari a 57 ).

Il 17% dei pazienti era stato ricoverato per motivi psichiatrici nei 6 mesi precedenti, e il 4.6% è stato valutato non-adatto un mese prima dell'ingresso nello studio.

I gruppi non differivano significativamente nel tempo medio alla interruzione per tutte le cause ( 645 giorni per Olanzapina per via iniettiva a lunga durata d’azione, 678 giorni per Olanzapina per via orale; P=0.61 ), nella percentuale di interruzioni ( 53.8% per via iniettiva, 51.2% per os; P=0.60 ) o nel tasso di ricaduta ( 20.1% per via iniettiva, 18.5% per os; P=0.66 ).

Il tasso di ricovero psichiatrico post-basale è risultato basso per entrambi i gruppi ( 7.6% per via iniettiva, 9.2% per via orale ), ma la durata media del ricovero era significativamente maggiore nei pazienti trattati per via orale ( 1.80 giorni, 20 per quelli ricoverati, vs 0.43 giorni, 6 per quelli ricoverati, P=0.02 ).

Non sono emerse differenze clinicamente significative tra i gruppi negli eventi avversi o nelle misure di sicurezza.
Non si è verificato alcun evento di sindrome da delirio / sedazione post-iniezione.

In conclusione, Olanzapina a lunga durata d’azione per via iniettiva e Olanzapina orale sono risultate similmente efficaci e ben tollerate per un massimo di 2 anni di trattamento nei pazienti con schizofrenia.
L’incidenza di interruzioni del trattamento per Olanzapina a lunga durata d’azione per via iniettiva e Olanzapina orale era simile, nonostante il periodo di osservazione di 3 ore dopo l'iniezione e altre procedure precauzionali relative al rischio di sindrome da delirio / sedazione post-iniezione. ( Xagena2014 )

Detke HC et al, J Clin Psychopharmacol 2014;34:426-434

Psyche2014 Farma2014


Indietro