Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Efficacia e sicurezza della stimolazione transcranica a corrente continua per il trattamento dei sintomi negativi nella schizofrenia


I sintomi negativi rappresentano un peso sostanziale nella schizofrenia. Sebbene studi preliminari abbiano suggerito che la stimolazione transcranica a corrente continua ( tDCS ) sia efficace per alcuni gruppi di sintomi, i benefici clinici per i sintomi negativi non sono ben definiti.

Sono state determinate l'efficacia e la sicurezza della stimolazione tDCS versus simulazione come trattamento aggiuntivo per pazienti con schizofrenia e sintomi negativi predominanti.

Lo studio clinico randomizzato in doppio cieco STARTS ( Schizophrenia Treatment With Electric Transcranial Stimulation ) è stato condotto nel periodo 2014-2018 in due cliniche ambulatoriali nello stato di San Paolo, Brasile.
Sono stati inclusi pazienti con schizofrenia con sintomi negativi e positivi stabili e un punteggio minimo di 20 punti nella sottoscala dei sintomi negativi della scala PANSS ( Positive and Negative Syndrome Scale ).

Sono state eseguite 10 sessioni di stimolazione tDCS 2 volte al giorno per 5 giorni o una procedura simulata.
L'anodo e il catodo sono stati posizionati rispettivamente sulla corteccia prefrontale sinistra e sulla giunzione temporoparietale sinistra.

L’esito primario era il cambiamento nel punteggio nella sottoscala dei sintomi negativi della scala PANSS alla settimana 6.
I pazienti sono stati seguiti per altre 6 settimane.

Dei 100 pazienti inclusi, 20 ( 20.0% ) erano donne e l'età media era di 35.3 anni.
In totale 95 pazienti ( 95.0% ) hanno terminato lo studio.

Nell'analisi intent-to-treat ( ITT ), i pazienti che hanno ricevuto stimolazione tDCS attiva hanno mostrato un miglioramento significativamente maggiore nel punteggio PANSS rispetto a quelli che hanno ricevuto la procedura simulata ( differenza, 2.65; numero necessario da trattare, 3.18; P minore di 0.001 ).

Anche i tassi di risposta per i sintomi negativi ( miglioramento del 20% o superiore ) sono stati più alti nel gruppo attivo ( 20 su 50, 40% ) rispetto al gruppo con simulazione ( 2 su 50, 4%; P minore di 0.001 ).
Questi effetti sono persistiti al follow-up.

La stimolazione transcranica a corrente continua è risultata ben tollerata e gli effetti avversi non sono variati tra i gruppi, ad eccezione della sensazione di bruciore sul cuoio capelluto nel gruppo attivo ( 43.8% ) rispetto al gruppo simulazione ( 14.3%; P=0.003 ).
La stimolazione transcranica a corrente continua è risultata efficace e sicura nel migliorare i sintomi negativi nei pazienti con schizofrenia. ( Xagena2020 )

da Costa Lane Valiengo L et al, JAMA Psychiatry 2020; 77: 121-129

Psyche2020



Indietro