Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Uso degli antipsicotici e rischio di tumore al seno nelle donne con schizofrenia


Il tumore al seno è più comune nelle pazienti di sesso femminile con schizofrenia rispetto alla popolazione generale.
Non è noto se il trattamento con antipsicotici che aumentano la prolattina contribuisca ad aumentare le probabilità di tumore al seno.

Sono stati utilizzati i Registri nazionali finlandesi di cure ospedaliere, gli acquisti di farmaci prescritti e le diagnosi di cancro per fare uno studio caso-controllo nidificato.
Delle donne con schizofrenia, quelle con cancro al seno ( casi ) sono state abbinate per età e durata della malattia a 5 donne senza tumore ( controlli ).

Casi e controlli erano di età compresa tra 18 e 85 anni e i criteri di esclusione erano qualsiasi precedente diagnosi di tumore, ricezione di trapianto di organi, mastectomia o diagnosi di HIV.

L'analisi principale è stata l'associazione tra esposizione cumulativa a farmaci che aumentano la prolattina e tumore mammario.
Le analisi sono state effettuate aggiustando per condizioni di comorbilità e farmaci concomitanti.
I dati sull'etnia non erano disponibili.

Delle 30.785 donne con diagnosi di schizofrenia tra il 1972 e il 2014, 1.069 sono state diagnosticate con cancro al seno tra il 2000 e il 2017.
Rispetto a 5.339 controlli appaiati, l’esposizione cumulativa da 1 a 4 anni ( odds ratio aggiustato, aOR=0.95 ) o l’esposizione per 5 o più anni ( aOR=1.19 ) ad antipsicotici risparmiatori di prolattina ( inclusi Clozapina, Quetiapina o Aripiprazolo ) non è stata associata a un aumento del rischio di tumore al seno rispetto all'esposizione minima ( inferiore a 1 anno ).

Rispetto a meno di 1 anno di esposizione ad antipsicotici che aumentano la prolattina ( tutti gli altri antipsicotici ), 1-4 anni di esposizione non sono stati associati a un aumento del rischio, ma l'esposizione per 5 o più anni è stata associata a un aumento del rischio ( aOR=1.56, P minore di 0.001 ).

Il rischio di sviluppare adenocarcinoma lobulare associato all'uso a lungo termine di antipsicotici che aumentano la prolattina ( aOR=2.36 ) è risultato superiore a quello di sviluppare adenocarcinoma duttale ( aOR=1.42 ).

L'esposizione a lungo termine agli antipsicotici che aumentano la prolattina, ma non che risparmiano la prolattina, è significativamente associata a un aumento delle probabilità di tumore mammario.
Il monitoraggio della prolattinemia e il trattamento dell'iperprolattinemia è fondamentale nelle donne con schizofrenia trattate con antipsicotici che aumentano la prolattina. ( Xagena2021 )

Taipale H et al, Lancet Psychiatry 2021; 8: 883-891

Psyche2021 Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro